Diventate anche voi mecenati con l’Art Bonus

Negli ultimi anni in Italia è stata data molta eco mediatica a iniziative per la ristrutturazione delle proprietà private, come ecobonus e sisma bonus, mentre non tutti conoscono l’Art Bonus, ovvero la possibilità di usufruire di uno sconto fiscale sostenendo il restauro e la conservazione dei beni pubblici.

Cos’è l’Art Bonus

L’Art Bonus è un’iniziativa promossa dal governo italiano, attiva dal 2014. Il progetto permette a chiunque di diventare un mecenate e di sostenere il patrimonio culturale del nostro paese attraverso erogazioni liberali, ovvero donazioni spontanee. Si tratta di un programma di estrema importanza per tutelare opere per le quali spesso mancano le risorse necessarie. Possono donare sia singoli cittadini sia imprese. In entrambi i casi è possibile ricevere un credito d’imposta pari al 65% dell’importo donato.

A cosa sono destinate le erogazioni

Gli importi donati da cittadini e aziende ai fini dell’art bonus vengono impiegati per attività di vario genere tra cui:

  • Manutenzione, tutela e restauro di beni storici di proprietà pubblica.
  • Sostegno a enti culturali pubblici come teatri, musei e fondazioni.
  • Restauro, realizzazione di nuove strutture e potenziamento di quelle esistenti, di luoghi dello spettacolo, ad esempio i teatri.

Quali beni pubblici si possono sostenere

Le donazioni sono destinate a diversi siti di interesse storico e culturale, tutti elencati nel portale del governo dedicato all’iniziativa. Si tratta di castelli, residenze storiche, biblioteche, teatri e festival teatrali. È inoltre attiva una sezione del sito da cui segnalare beni culturali degni di tutela non ancora presenti nel portale. Non c’è un limite alla somma che è possibile donare. Dall’elenco di chi ha già donato potete notare come ci siano importanti aziende che hanno elargito importi superiori ai 100.000 euro e semplici cittadini che hanno contribuito anche con piccole cifre.

Dove trovare maggiori informazioni

Per approfondire, basta fare riferimento al già citato sito del governo italiano dedicato all’Art Bonus. Da lì potete accedere a tutti i riferimenti normativi che regolano il credito d’imposta, scoprire quali iniziative usufruiscono dei contributi, quali sono le modalità e i limiti previsti dalla legge. Al di là del vantaggio fiscale ottenuto dai donatori, l’Art Bonus è di estrema importanza per la valorizzazione del patrimonio storico del nostro paese.

Cinque castelli italiani che vi faranno sognare

Si parla spesso di quelli scozzesi, della Loira, della Baviera. Ma anche il territorio italiano ospita centinaia di splendidi castelli. I cinque che vi proponiamo sono forse meno conosciuti dei sontuosi manieri adibiti a residenza di re e imperatori, ma sono molto suggestivi. Castello di Toblino  Situato lungo la statale Gardesana Occidentale tra Trento e Riva del Garda, il castello di Toblino è costruito sull’omonimo lago. Sembra quasi galleggiare sull’acqua, protetto da un rigogli... Leggi

Alla scoperta del FAI e delle sue iniziative

Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) è tra le più importanti fondazioni italiane che si occupano di salvaguardia, tutela e valorizzazione del patrimonio storico e artistico del nostro Ppaese. Nata nel 1975 da un’idea di Elena Croce, figlia del filosofo Benedetto Croce, negli anni l’organizzazione ha acquisito numerosissimi beni storici e naturalistici donati, ereditati o dati in gestione da privati cittadini o dallo Stato. Si ispira all’organizzazione britannica National Trust for... Leggi

Una giornata dedicata ai castelli Italiani

L’Istituto Nazionale dei Castelli è un’associazione culturale nata per tutelare i monumenti fortificati del nostro paese. Tra il 1964 e oggi ha censito oltre 20.000 siti e svolge attività di ricerca, restauro, promozione e sensibilizzazione scientifica e turistica. Inoltre organizza da oltre vent’anni la Giornata Nazionale dei Castelli, un appuntamento imperdibile per gli amanti di rocche e fortificazioni. Luoghi noti e meno noti del nostro paese vengono così aperti al pubblico... Leggi

Ca’ Vendramin Calergi: il casinò più antico al mondo

Se siete appassionati di residenze storiche e state decidendo cosa vedere a Venezia non possiamo che consigliarvi Ca’ Vendramin Calergi. Situato sul Canal Grande è uno dei palazzi più noti della città. La sua costruzione cominciò nel 1481 e fu voluta dalla famiglia Loredan, a cui appartennero ben tre dogi. Nel corso dei secoli fu oggetto di diversi passaggi di proprietà. Alla fine del XVI secolo il duca di Mantova Guglielmo Gonzaga la cedette al nobile veneziano Vettor Calergi. Poi passò p... Leggi

Perché amiamo così tanto i castelli?

L’Italia possiede un patrimonio storico dal valore inestimabile: mura antiche, palazzi, scavi archeologici. Poi ci sono i castelli, di cui il nostro paese è disseminato. Ma perché ci affascinano e li amiamo così tanto? Difficile elencarne tutti i motivi. Castelli e borghi fortificati sono custodi del passato. Ci mostrano come siamo cambiati nel corso dei secoli, ci raccontano di quanto un territorio fosse esposto ad attacchi nemici. Le residenze del passato ci parlano delle famiglie che le... Leggi